Il sapore della primavera

L’Italia dei mieli novelli

In primavera, quando il letargo invernale lascia il posto a nuove fioriture, le api iniziano la loro attività produttiva che dà vita a tante diverse tipologie di miele.

I mieli italiani sono leader nel mondo non solo per la loro qualità, ma soprattutto per le loro tante diversità: oltre sessanta diverse specificità, ognuna delle quali trova la sua originalità nella diversità delle tante fioriture territoriali del nostro Bel Paese. Parlare di mieli novelli significa anche aprire un nuovo e affascinante capitolo sul prodotto: quello delle stagioni del miele, consapevoli che la primavera porta con sé i primi mieli dell’anno.

#mielinovelli

ACACIA

Da fioriture di Robinia pseudoacacia

Scopri di più

Presente su quasi tutti i territori regionali italiani. È tra i mieli più conosciuti e amati per la sua dolcezza soave; colore molto chiaro, quasi trasparente.

Altri elementi distintivi: non cristallizza, il suo odore è delicato, leggermente floreale o vanigliato. Il suo sapore è dolce, con punte di leggerissima acidità.

ARANCIO

Da fioriture di Citrus spp

Scopri di più

È tra i mieli monofloreali più noti e apprezzati non solo sul mercato italiano. I suoi territori d’origine principale sono la Sicilia e la Calabria, ma è una produzione significativa anche per la Basilicata e la Puglia.

Altri elementi distintivi: il suo odore è intenso e floreale. Allo stato liquido il suo colore è giallo paglierino. Cristallizza abbastanza velocemente assumendo tonalità di colore dal bianco al beige chiaro. Il suo sapore è dolce con una leggera acidità.

ASFODELO

Da fioriture di Asphodelus microcarpus

Scopri di più

I suoi territori d’origine sono prevalentemente la Sardegna e la Sicilia, ma è presente anche sul versante tirrenico dalle coste liguri a quelle toscane.

Altri elementi distintivi: Il suo colore è chiaro o molto chiaro sia allo stato liquido che cristallizzato. L’odore è floreale, mentre il sapore richiama lo zucchero filato, la vaniglia.

CARDO

Da fioriture di Galactites tomentosa

Scopri di più

È prodotto prevalentemente in Sardegna e Sicilia. In misura minore anche sull’isola d’Elba e in Calabria. Nel 2012 al miele di cardo della città sarda di Guspini è stato proclamato vincitore del premio “Il miele del Sindaco” de Le Città del Miele.

Altri elementi distintivi: il suo colore è quello classico dell’ambra, con maggiori tonalità gialle o arancioni quando cristallizzato. Il suo sapore è fruttato, floreale, con punte di caramello. L’odore non è molto intenso e può richiamare la corteccia d’albero tagliata.

CILIEGIO

Da fioriture di Prunus avium

Scopri di più

La fioritura del ciliegio è particolarmente apprezzata dalle api. Il suo miele si presenta di colore ambrato e il suo odore può richiamare la mandorla amara. Il sapore tende al caramellato, la cristallizzazione è abbastanza rapida e a cristalli fini.

Altri elementi distintivi: È un miele con alta percentuale di fruttosio che contiene carotene. Ha proprietà diuretiche.

CISTO

Da fioriture di Cistus monspeliensis

Scopri di più

È una tipica fioritura della macchia mediterranea; il suo territorio d’origine è prevalentemente la Sardegna.

Altri elementi distintivi: è un miele di non facile reperibilità dal colore ambra scura con riflessi rossastri. Non particolare all’olfatto, richiama l’odore del caramellato. Il suo sapore è pronunciato e intenso.

COLZA

Da fioriture di Brassica napus oleifera

Scopri di più

È un miele poco diffuso, specie in Italia. La sua produzione è presente soprattutto nella pianura padana e nelle regioni del nord est. Il suo colore è ambra chiara quando liquido.

Altri elementi distintivi: è un miele che cristallizza velocemente a grana finissima di colore beige chiaro. L’odore è di carattere vegetale che richiama la verza e i crauti. Il suo sapore evidenzia una dolcezza particolarmente gradevole.

ERICA

Da fioriture di Erica arborea

Scopri di più

La fioritura di Erica arborea è presente in modo significativo soprattutto in Toscana e Liguria. Le sue caratteristiche organolettiche sono definite molto originali di torbità, acidità e degradazione veloce.

Altri elementi distintivi: è un miele che cristallizza rapidamente. Il suo colore è d’ambra scura con riflessi rossastra quanto è liquido. Marrone con note di arancione quando cristallizzato. L’odore richiama il caramello, lo zucchero cotto. Il suo sapore richiama la creme caramel o la caramella mou.

FIENO GRECO

Da fioriture di Trigonella foenum-graecum

Scopri di più

È presente in Puglia in forma particolare nella provincia leccese.

Altri elementi distintivi: è un miele raro di colore ambrato chiaro dalle proprietà organolettiche non indagate.

LAMPONE

Da fioriture di Rubus idaeus

Scopri di più

È un miele a produzione limitata e di non facile reperibilità. I territori d’origine prevalenti sono il Piemonte e la Lombardia.

Altri elementi distintivi: il suo colore è rossiccio ambrato. Gradevole il suo odore fruttato, di mele cotte. Al palato mantiene il suo gusto fruttato con leggere note acidule.

LAVANDA SELVATICA

Da fioriture di Lavandula Stoechas

Scopri di più

È una fioritura di lavanda selvatica diffusa nelle isole tirreniche, in Sardegna in modo particolare. E’ un miele a cristallizzazione rapida. Il colore varia da giallo chiaro ad ambrato quando liquido e da bianco a beige quando cristallizzato. Nel 2013 al miele di lavandula stoechas della città sarda di Guspini è stato proclamato vincitore del premio “Il miele del Sindaco” de Le Città del Miele.

Altri elementi distintivi: è un miele a produzione limitata dall’odore aromatico e floreale. Il suo sapore è fruttato, richiama il fico maturo.

LUPINELLA

Da fioriture di Onobrichis viciifolia

Scopri di più

Da fioriture di Onobrichis viciifolia, presenti particolarmente in Abruzzo, Toscana e Lazio.
Il suo colore è giallo ambra chiaro.

Altri elementi distintivi: l’odore è leggero, delicatamente floreale. Al palato il suo sapore è delicato, con leggere note fruttate.

MARASCA

Da fioriture di Prunus mahaleb

Scopri di più

Tipico della zona del Carso, sia quella legata alla costiera triestina che a quella interna goriziana. A pieno merito viene definito un miele ‘esclusivo’ a produzione contenuto per la brevità di vita delle fioriture. Nel 2017 al miele di marasca presentato dalla città di Sacile è stato proclamato vincitore del premio “Il miele del Sindaco” de Le Città del Miele.

Altri elementi distintivi: il suo colore è ambrato, l’odore delicato e il sapore richiama la confettura di ciliegie, con leggerissime note amarognole.

MELO

Da fioriture di Malus domestica

Scopri di più

Da fioriture di Malus domestica, presente prevalentemente in Trentino-Alto Adige. È un miele a produzione limitata. Il suo colore è ambra chiara. Cristallizza a grana fine mantenendo il suo colore chiaro con toni grigiastri.

Altri elementi distintivi: l’odore è floreale, mentre il sapore richiama il frutto con note speziate.

MILLEFIORI

Da fioriture di specie diverse

Scopri di più

La sua specificità risiede proprio nella diversità di nettari che lo compongono. Il suo colore è variabile, più o meno scuro a seconda delle zone, della stagione e dei fiori maggiormente presenti sul territorio. Il millefiori primaverile è solitamente chiaro. Il suo odore è generalmente floreale, di canditi.

Altri elementi distintivi: è tra i mieli più conosciuti e diffusi sul mercato. Al palato, quando è chiaro, il sapore è più delicato di confettura. Quando scuro può offrire un retrogusto leggermente amarognolo.

MILLEFIORI DI SPIAGGIA

Da fioriture di specie diverse

Scopri di più

Parliamo di fioriture particolari legate al Parco di San Rossore, litorale della Versilia. In queste aree crescono gli ericlisi, il cisto, la tamerice, il corbezzolo e il pitosforo. È un miele che ha raggiunto una sua notorietà particolare. Il suo colore è chiaro ambrato, molto fluido.

Altri elementi distintivi: l’odore e il sapore sono aromatici, richiamano gli oli essenziali delle piante legate alla macchia mediterranea particolarmente aromatico.

ROSMARINO

Da fioriture di Rosmarinus officinalis

Scopri di più

Il Rosmarinus officinalis è una pianta tipica della macchia mediterranea che le api visitano attivamente in territori soleggiati al riparo dai venti freddi. I territori più vocati sono la Puglia e la Sardegna.

Altri elementi distintivi: È un miele a produzione limitata. Allo stato liquido il suo colore è giallo paglierino. Cristallizzato assume colore bianco avorio. Il suo odore è floreale e aromatico come il suo sapore.

ROVO

Da fioriture di Rubus

Scopri di più

Anche se le piante di rovo sono diffuse un po’ ovunque, la sua produzione di miele è limitata. Il suo colore è ambrato, tendente a tonalità scure. Nel 2014 al miele di rovo della città campana di Lapio è stato proclamato vincitore del premio “Il miele del Sindaco” de Le Città del Miele.

Altri elementi distintivi: All’olfatto l’odore è di frutto maturo. Al palato è dolce con note di confettura.

SULLA

Da fioriture di Hedysarium coronarium

Scopri di più

Questa fioritura è presente prevalentemente in Calabria, Abruzzo, Molise e Sicilia. Il suo colore varia da chiaro a giallo paglierino allo stato liquido, da bianco a beige quando cristallizza.

Altri elementi distintivi: il suo sapore è mediamente dolce di datteri, di frutta con lievi note acide. L’odore è più di carattere vegetale di paglia.

TARASSACO

Da fioriture di Taraxacum officinale

Scopri di più

La sua massima stagionalità è la primavera, quando i prati si coprono delle classiche fioriture conosciute anche con il nome di dente di leone. I massimi territori produttivi sono il Piemonte, la Lombardia e la Valle d’Aosta. Caratteristica distintiva di questo miele è l’odore: ammoniacale e veramente poco gradevole. Entusiasma, invece, il suo colore giallo vivo o di crema pasticciera. Nel 2011 al miele di tarassaco della città valdostana di Châtillon è stato proclamato vincitore del premio “Il miele del Sindaco” de Le Città del Miele.

Altri elementi distintivi: È un miele che cristallizza molto rapidamente e a cristalli fini, dal sapore ben definito che merita di essere riscoperto. È un miele curativo, epatoprotettore, che aiuta le funzioni del fegato, del pancreas e dell’intestino.

TIGLIO

Da fioriture di Tiglia sp.

Scopri di più

La fioriture di Tilia sp. è molto presente sui territori settentrionali dell’arco alpino. Colore variabile da ambra chiara a scura. Odore fresco, balsamico, mentolato.

Altri elementi distintivi: sapore di erbe officinali, di salvia con note leggermente amare.

Newsletter

Festival news

1a Edizione

Valfornace (MC)
MailInstagram